PAROLA AL COACH! Il punto di Coach Salvemini dopo la prima settimana di lavoro in palestra

24.08.2016
Giorgio Salvemini si appresta ad affrontare il terzo campionato consecutivo alla guida dell'Amatori Pescara. Dopo la splendida cavalcata dello scorso anno, conclusa ad un passo dalla promozione, ha iniziato da sette giorni a lavorare in palestra con i suoi ragazzi. Gli abbiamo chiesto di fare il punto su questo inizio di stagione. Coach Salvemini, terzo anno alla guida di questa squadra. Cosa significa per lei? Sono molto soddisfatto di iniziare un altro anno a Pescara. Sto assistendo alla grande crescita dell'ambiente, dello staff tecnico, dei giocatori e della struttura societaria e mi riempie d'orgoglio essere al centro di questo progetto! Credo che sia la massima gratificazione possibile per un allenatore. Conferme importanti e nuovi innesti per rafforzare il roster, in vista dell'impegnativo campionato di Serie B.  Cosa ci può dire dei ragazzi a sua disposizione? La squadra che abbiamo allestito ci sembra funzionale al raggiungimento degli obiettivi prefissati. Siamo stati bravi a lavorare sul mercato per migliorare alcuni piccoli deficit emersi la scorsa stagione. Lo staff tecnico ha evidenziato alcuni punti critici ed ha cercato di far fronte alle necessità. Sono arrivati tutti giocatori funzionali al progetto, sempre tenendo fede ad un obiettivo che sta molto a cuore all'Amatori: mantenere e rafforzare l'identità pescarese del roster. E' sotto gli occhi di tutti il legame dei giocatori con il territorio e l'attaccamento verso la città e verso la maglia. Veniamo al lavoro in palestra. Che inizio è stato? Abbiamo iniziato presto con carichi di lavoro importanti. In una settimana abbiamo fatto ben 7 allenamenti e la squadra ha risposto molto bene ai carichi di lavoro. Oltre che da buoni giocatori, la squadra è formata da elementi molto motivati. Il valore umano dei ragazzi a disposizione è indiscutibile e tutto lo staff tecnico è veramente soddisfatto di questo aspetto. Ad integrare il lavoro che stiamo facendo, abbiamo previsto amichevoli importanti. Invitiamo il nostro pubblico a seguirci già da questi primi appuntamenti. Quale campionato aspetta i suoi ragazzi? Il nostro girone è sicuramente di livello elevato. Ci sono molte squadre ben attrezzate. In particolare, le nostre principali rivali dello scorso anno, Montegranaro e San Severo, contro cui abbiamo disputato semifinale e finale, si sono rafforzate rispetto alla stagione passata. Detto questo, io credo fermamente che l'Amatori non debba guardare in casa degli altri, bensì soltanto in casa propria, per poi fare i conti alla fine. Conosciamo il nostro valore, sappiamo cosa abbiamo fatto, sappiamo di esserci migliorati dove  serve.. siamo pronti a dare battaglia su ogni campo. Un miglioramento continuo, dunque. Possiamo dire qualcosa di più su questo triennio di continua crescita? La società ha mantenuto fede a quanto programmato all'inizio di questa avventura. Quattro giocatori importanti come Rajola, Pepe, Bini, Di Donato lavorano con me già dal primo anno. Lo scorso anno è stato inserito un giocatore fondamentale come Capitanelli. Questa estate è arrivato Grosso, altro ragazzo di Pescara, che conosco bene per averlo avuto in passato.  Assieme a lui, è stato preso un altro pescarese doc come Paolo Pelliccione, giocatore di grande valore, che sarà utilissimo alla causa, così come Pasquale Battaglia. La crescità di una società passa anche attraverso lo sviluppo di uno staff tecnico di alto livello. Il mantenimento dello staff iniziale, gli arrivi di Perricci prima e Di Iorio poi, hanno soddisfatto anche questa importantissima esigenza. Stiamo rafforzando la proficua collaborazione con Pescara Basket, che vede Leonardo Del Sole nel roster della squadra e Luca Guerra aggregato agli allenamenti della prima squadra. Con noi si allenano anche altri due ragazzi, tesserati con Montesilvano, che però sono già da due anni con la nostra famiglia. Il progetto dell'Amatori con i giovani è forte ed è un qualcosa da sottolineare, apprezzare, evidenziare. La conclusione di questa intervista non può che riguardare lo splendido pubblico pescarese. Cosa ci può dire a riguardo ? Sono rimasto incredibilmente colpito dall'accoglienza dei tifosi dell'Amatori il 17 Agosto a Stella Maris. Trovare tanta gente ad un semplice raduno è davvero bellissimo; evidentemente, lo scorso anno la squadra ha trasmesso emozioni forti e tutta l'Amatori ha espresso voglia, competenza, senso del lavoro. C'è tanta fame di pallacanestro a Pescara e siamo pronti a costruire una squadra importante. Questa società, questi ragazzi, questa piazza, meritano oggettivamente dei palcoscenici illustri. Esserci fermati a Gara 5 lo scorso anno ci ha dato tanto rammarico, ma già dalla mattina dopo siamo ripartiti con una carica immensa per costruire qualcosa di ancora più bello. Vogliamo provare a rigiocare di nuovo quelle partite e vogliamo provare di nuovo quelle emozioni. Scrivendo, stavolta, un finale diverso e bellissimo. Ufficio Stampa Amatori Basket Pescara      
CHE BELLA AMATORI! ROSETO LA SUPERA SOLTANTO NEL FINALE
Prenota il tuo abbonamento