Successo straordinario dell’Amatori, che vince sul campo della fortissima Panifici Di Pinto Bisceglie con il punteggio di 71-70. L’Amatori sembrava avere la partita in tasca, poi sembrava averla persa. Ma questa squadra ha un coraggio incredibile e con un parziale di 7-0 negli ultimissimi minuti ha ottenuto una vittoria favolosa. A fine stagione saranno pochissime le squadre che potranno festeggiare su questo campo. Pescara lo ha fatto e con grande merito.

L’esordio assoluto di Stefano Rajola come allenatore è stato molto positivo: la sua squadra ha mostrato idee, carattere,coraggio. Qualche errore c’è stato, da entrambe le parti, ma è normale che sia così nella prima partita del campionato. Vincere in questo modo è un’iniezione di fiducia importante. Tra sette giorni l’Amatori farà  il suo esordio in casa e sarà  un’altra gara particolare: il destino ha immediatamente messo sulla strada pescarese la corazzata San Severo degli ex Emidio Di Donato e Giorgio Salvemini.

Nove punti in trenta secondi di Manuel Diomede,dopo un incredibile fischio arbitrale contro Luca Bedetti, sembravano aver indirizzato la partita nelle tasche dei pugliesi a meno di due minuti dalla fine. E invece Pescara è letteralmente risorta per l’ennesima volta: la tripla di Drigo ha mandato in estasi i tifosi abruzzesi arrivati sino a Bisceglie.

Il primo quintetto della carriera di Coach Rajola è quello titolare: Caverni, Leonzio, Bedetti, Drigo, Caverni. Nessuna sorpresa neanche per coach Sorgentone che fa partire nello starting five Di Emidio, Diomede, Bedetti, Castelluccia e Antonelli.

Qualche forzatura da parte di entrambe le squadre nei primi possessi della partita; e allora ci pensano due specialisti come Castelluccia e Leonzio a smuovere il punteggio (3-3).  I lunghi di Bisceglie sono più precisi nella parte centrale del tempino e i pugliesi provano a scappare (9-3). Accenno di crisi? Neanche per sogno! L’Amatori ricuce immediatamente senza battere ciglio (9-8) e non si ferma; l’ingresso di Grosso dà  solidità  ai biancorossi che accelerano (9-17) piazzando un parziale di 0-14. Di Emidio spezza il break ma i tiratori pescaresi sono in ritmo e il giovanissimo D’Eustachio, all’esordio in Serie B, segna un tiro impossibile sulla sirena per il 13-21 che chiude il primo quarto. 5/9 al tiro da tre punti per i ragazzi del presidente Carlo Di Fabio.

Coach Rajola ruota senza alcun timore i suoi uomini: lancia sul parquet Del Sole e tiene in campo D’Eustachio, Bini e Grosso. Bisceglie pressa tantissimo Leonzio e migliora piano piano la sua fase difensiva, limitando gli ospiti. I pugliesi dominano a rimbalzo ma faticano davvero tantissimo a fare canestro sia dal campo che dalla lunetta; tanto basta, comunque, per rientrare in partita (20-21) visto che Pescara, letteralmente, non segna più. Michele Caverni, con grande personalità  nonostante sia giovanissimo, si prende la squadra sulle spalle e ispira il parzialino che riporta Pescara a +5 (20-25). Sul finire del quarto entrambe le squadre commettono qualche errore sotto entrambi i canestri: di questa situazione ne beneficia Bisceglie che, spinta dall’ottimo ingresso in campo di Azzaro torna a contatto (30-33) con lo sfondamento fischiato ai danni di Ennio Leonzio a quattro secondi dalla sirena.

L’approccio iniziale resta un problema per l’Amatori, che per la terza volta di fila deve cedere qualcosa all’inizio della frazione. Ma se questo è un difetto, la capacità  di reagire sempre a queste situazioni è una dote importante: l’Amatori ce l’ha e quando Bisceglie la raggiunge o la supera (34-33; 39-39) è sempre pronta a ripartire. Così, Grosso e compagni tornano addirittura in vantaggio di 7 punti (39-46). Bisceglie resta in partita affidandosi ai suoi lunghi, Antonelli e Castelluccia (45-48) mentre l’eccellente Caverni deve riposare in panchina per problemi di falli. Stesso destino per Leonzio e allora ritrova spazio sul parquet il classe 1999 D’Eustachio. Qualche fallo in attacco ferma entrambe le squadre, ma gli ospiti tirano incredibilmente fuori dal cilindro due triple di Antonelli e Azzaro che chiudono il tempino sul 50-51.

Nemmeno la bomba sulla sirena spegne la verve dell’Amatori, che stavolta parte fortissimo. Ancora D’Eustachio dimostra tanto carattere e tanta qualità : si prende il primo tiro dell’ultima frazione, lo segna, subisce fallo e chiude il gioco da tre punti del 50-54. Segna Bini, Capitanelli stoppa Antonelli, Caverni riparte e subisce fallo e coach Sorgentone ferma il gioco per mettere una pezza (50-58). Bini, dopo un terzo quarto difficile, ora si prende il palcoscenico (53-60). Ma Bisceglie, ovviamente, non molla e ha la qualità  per recuperare e si spinge anche a -1 (59-60).  Caverni spezza il break degli avversari ma Diomede, dopo una partita complicata, mette la bomba del 64-64, segna i tre liberi fischiati contro Bedetti e si inventa un’altra tripla nel possesso aggiuntivo decretato da un fischio clamoroso (70-64). Nemmeno stavolta la partita è finita: l’Amatori blinda la sua area e si ripropone con i canestri di Caverni e Bini e con la tripla di Drigo, dopo un recupero fantascientifico di Grosso, va a vincere addirittura la partita senza subire più nessun punto. Gli ultimi ventuno secondi non cambiano il punteggio. Che bell’esordio per Stefano Rajola!

Il presidente Carlo Di Fabio soddisfattissimo a fine partita: “Prima giornata e subito partita durissima, praticamente da playoff. Abbiamo assistito ad un match incredibile, siamo arrivati convinti delle nostre forze ma non pensavo potessimo essere già  a questo livello contro una corazzata come Bisceglie. Complimenti a tutti, allo staff e a coach Rajola. Non saprei dire chi è il migliore in campo perchè ho visto una prova di squadra favolosa. Partiamo con il sorriso, ora aspettiamo il nostro pubblico, corretto e numeroso, per giocarci le nostre carte in un clima caldissimo e correttissimo”.

Coach Rajola: “abbiamo fatto la partita che volevamo, a parte quella sbavatura nel finale, segnata da un fallo tecnico piuttosto frettoloso. I ragazzi dopo una grandissima partita hanno fatto qualcosa di incredibile nel finale. Credo che abbiamo meritato davvero di vincere, perchè abbiamo condotto per 38 minuti facendo le scelte corrette in difesa”.

Lions Basket Bisceglie – Amatori Basket Pescara 70-71  (13-21; 30-33; 70-71)

Lions Basket Bisceglie: Lopopolo ne, Azzaro 14, Castelluccia 15, Antonelli 7, Papagni ne, Terenzi 10, Di Emidio 7, Bedetti 2, Thiam, Pucci 2, Diomede 13.  Allenatore: Domenico Sorgentone.

Amatori Basket Pescara: Di Giorgio ne, D’Eustachio 5, Grosso 7, Drigo 12, Bini 13, Bedetti 4, Caverni 15; Capitanelli 9. Leonzio 6. Del Sole.  Allenatore: Stefano Rajola.

Vincenzo De Fanis – Ufficio Stampa Amatori Basket